ATTUALITA'

Martedì 21 Aprile 2015 09:53

SCALEA. ASSOSCALEA SUL PROGETTO “SCALEA CITTA’ CARDIOPROTETTA”: SPECIFICAZIONI IN MERITO ALL’USO CHE SARA’ FATTO DEI DEFIBRILLATORI ACQUISTATI E DONATI AL COMUNE DI SCALEA.

Il consorzio interassociativo “Assoscalea” intende dare chiarimenti con il presente comunicato su quello che sarà l’uso dei defibrillatori una volta acquistati, all’esito della campagna di raccolta fondi denominata “Scalea città Cardioprotetta”. E’ di dominio comune che Assoscalea stà effettuando già dal 17 febbraio 2015 una campagna di raccolta fondi a mezzo di offerte che sono state o saranno riposte da cittadini e turisti negli appositi salvadanai allocati presso gli esercizi commerciali di Scalea. Già all’atto della pubblicazione della campagna i vertici di Assoscalea hanno diramato un documento di comunicazione inerente la campagna stessa, contenente l’indicazione della mission, gli obiettivi della stessa, gli strumenti con cui sarà realizzata, la finalizzazione e i responsabili della raccolta fondi. Successivamente, in più persone l’avvio di detta campagna di raccolta fondi ha suscitato perplessità su come saranno usati i defibrillatori che saranno acquistati, quando al 30 settembre si concluderà la raccolta fondi. Il Presidente di Assoscalea, Avv. Francesco Casella, interviene in merito e fa chiarezza sull’utilizzo dei defibrillatori. In particolare afferma che: Innanzitutto la campagna sorge con lo spirito e l’obiettivo di “donare” i defibrillatori al Comune di Scalea; Nel complessivo iter di realizzazione del progetto è prevista una continua consultazione con personale medico del settore che avrà la supervisione sulle ulteriori seguenti attività: individuazione di un numero di volontari (determinato in base al numero di defibrillatori che si riuscirà ad acquistare all’esito della rendicontazione dei fondi raccolti) da formare e abilitare all’utilizzo dei defibrillatori, mediante un corso c.d. “BLSD”, secondo la normativa speciale e i protocolli vigenti in materia e con la collaborazione di un’associazione e/o ente del settore; scelta di punti facilmente accessibili al pubblico (all’esterno e all’interno) e permanentemente videosorvegliati o custoditi ove allocare tramite posa nelle teche i defibrillatori; Pubblicazione dei numeri di telefonia mobile dei volontari che saranno abilitati e reperibili turnariamente anche negli orari notturni. Tale comunicazione vuole far sì che che tutti i cittadini della comunità Scaleota abbiano a sapere che AssoScalea non autorizza o inculca la cultura di un uso indisciplinato del defibrillatore, ma realizza solo che già da anni esiste e funziona in tutte le grandi città non solo italiane ma anche estere, dove, in caso di emergenza, si trovano allocati in spazi facilmente accessibili dei defibrillatori che all’occorrenza avranno bisogno della diligenza e della perizia propria di un operatore volontario adeguatamente formato. A maggior completezza comunicativa si propone un breve excursus legislativo.  Breve excursus normativo sull’uso dei defibrillatori semiautomatici da parte del personale non sanitario. Secondo la legge n. 120 del 3 aprile 2011 (e successive modifiche), atta a regolamentare l’uso dei defibrillatori semiautomatici esterni da parte del personale non sanitario, in caso di emergenza ogni cittadino con un’adeguata formazione di rianimazione cardiopolmonare può prestare soccorso utilizzando questo tipo di apparecchiature senza commettere reato o compiere un abuso della professione medica. Così dice la legge n. 120 del 3 aprile 2001: “È consentito l’uso del Defibrillatore Semiautomatico in sede intra ed extraospedaliera anche al personale sanitario non medico, nonché al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardio-polmonare. […] Le regioni e le province autonome disciplinano il rilascio da parte delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere dell'autorizzazione all'utilizzo extraospedaliero dei defibrillatori da parte del personale di cui al comma 1, nell'ambito del sistema di emergenza 118 competente per territorio o, laddove non ancora attivato, sotto la responsabilità dell'azienda unità sanitaria locale o dell'azienda ospedaliera di competenza, sulla base dei criteri indicati dalle linee guida adottate dal Ministro della sanità, con proprio decreto, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.” Successivamente, il Decreto Legge n. 273 del 30 dicembre 2005 stabilisce l’aggiunta, alla legge citata, del seguente comma: “2-bis. La formazione dei soggetti di cui al comma 1 può essere svolta anche dalle organizzazioni medico-scientifiche senza scopo di lucro nonché dagli enti operanti nel settore dell'emergenza sanitaria che abbiano un rilievo nazionale e che dispongano di una rete di formazione.” Il Legislatore è giunto a questa "liberalizzazione" dell'uso del defibrillatore sostanzialmente per due motivi: I Defibrillatori Semiautomatici (DAE) di nuova generazione diagnosticano automaticamente la fibrillazione cardiaca ed erogano la scarica elettrica solo se riconoscono la Fibrillazione Ventricolare (FV). Non è pertanto l’operatore, ma il defibrillatore, ad effettuare la diagnosi di fibrillazione ventricolare. Di conseguenza non sussiste l’abusivo esercizio della professione sanitaria, punito dall’art. 348 del Codice Penale. In caso di Morte Cardiaca Improvvisa il tempo limite per salvare la vittima è di 5 minuti. L’unica possibilità è nell’uso il più precoce possibile del Defibrillatore. Considerando il tempo per i soccorritori di rendersi conto dell’accaduto e di allertare il 118 (2/3 minuti) ed il tempo impiegato dall’ambulanza per arrivare (mediamente più di 10 minuti) si comprende perché il Legislatore ha deciso di ampliare al massimo il numero di persone abilitate ad utilizzare il Defibrillatore. Naturalmente tutto ciò non esime l’operatore del DAE dall’agire con diligenza, prudenza, perizia e nel rispetto di regolamenti, ordini e discipline che riguardano l’attività di soccorso extraospedaliero ed eventuali progetti locali di defibrillazione precoce.

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie