RADIO ONE BANNER SOPRA

CRONACA

Mercoledì 28 Ottobre 2020 15:52

CONTROLLO DEL TERRITORIO.CARABINIERI : DUE ARRESTI A SCALEA E BELVEDERE.

Proseguono i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Scalea, attività in cui sono impiegate numerose pattuglie su tutta la fascia dell’Alto Tirreno Cosentino, per il controllo alla circolazione stradale lungo le principali arterie e sulla verifica delle disposizioni vigenti per contrastare la diffusione del covid-19.

Nel cuore della notte di domenica, a Diamante lungo il tratto della S.S. 18, l’attenzione dei militari della Sezione Radiomobile di Scalea è stata attratta da un’autovettura parcheggiata, nascosta dietro un arbusto, all’interno di una piazzola di sosta. Giunti nei pressi del veicolo i militari hanno riconosciuto L.M., pregiudicato 38enne di Belvedere Marittimo, al quale hanno chiesto le ragioni della sua presenza sul posto e ricordato il divieto di spostamento delle persone previsto, dalle ore 00:00 alle ore 05:00, dall’Ordinanza del Presidente della Regione Calabria. L’uomo, sofferente al controllo subito, inizia ad inveire contro i Carabinieri i quali, dopo aver cercato di portarlo alla calma, hanno proceduto ad un controllo più accurato vista l’assenza di valide giustificazioni da parte dello stesso. Quest’ultimo, fingendo di prelevare il documento di identità dall’interno dell’abitacolo, sale a bordo della sua autovettura ed innesta la marcia cercando di travolgere i militari. A quel punto, nasce un inseguimento che si conclude per le vie cittadine di Belvedere Marittimo dove l’uomo è stato bloccato. Per tali ragioni è stato accompagnato presso la Caserma Carabinieri di Scalea con l’accusa di Resistenza a Pubblico Ufficiale.

Stessa sorte, la mattinata seguente, per un detenuto domiciliare di Scalea arrestato dai Carabinieri per evasione. Sono le ore 11:30 di lunedì quando i militari, della Sezione Radiomobile di Scalea, notano F.G. 35enne di Scalea, in atto ristretto agli arresti domiciliari, fuori dal luogo di detenzione intento a dialogare con un altro pregiudicato residente nel comune scalioto. Lo stesso ai militari ha fornito delle giustificazioni ritenute poco plausibili e pertanto è stato condotto in Caserma per gli accertamenti del caso.

Informata la Procura della Repubblica di Paola, i due sono stati arrestati. Nel corso dell’udienza svoltasi presso il Tribunale di Paola, gli arresti sono stati convalidati ed è stata disposta la condanna di 6 mesi per L.M., mentre F.G. è stato tradotto agli arresti domiciliari.

            
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie