RADIO ONE BANNER SOPRA

CRONACA

Sabato 06 Agosto 2016 11:37

SCALEA. SGOMBERATO CAMPO NOMADI DALL’AREA DELLO STADIO FRANCESCO CIACCIO. L’AZIONE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE GUIDATA DAL SINDACO GENNARO LICURSI E’ STATA FORTEMENTE VOLUTA DALL’ASSESSORE ALLO SPORT, TURISMO E SPETTACOLO, EUGENIO ORRICO.

Un insediamento di una quarantina di nomadi con al seguito roulotte e macchine che insisteva  nei pressi dello stadio Francesco Ciaccio, zona periferica della cittadina tirrenica è stato sgomberato. Gli zingari che si erano impossessati da tempo di una vasta area, sono stati costretti ad abbandonarla a seguito di una ordinanza firmata dal sindaco Gennaro Licursi. Le operazioni di sgombero condotte dagli uomini della Polizia Municipale coordinati dal comandante Adriano Serra, sono iniziate all’alba di venerdì scorso e si sono concluse in tarda mattinata. A disporre l’intervento, il responsabile dello staff del sindaco, il maresciallo dei carabinieri in pensione, Francesco Galati.  L’operazione di sgombero del campo nomadi, è stata fortemente voluta dall’assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo, Eugenio Orrico. “L’azione posta in essere dall’amministrazione comunale – ha dichiarato Orrico – mira ad una riqualificazione dell’area interessata fino a poche ora fa dall’accampamento di zingari. Da pochi giorni, infatti sono iniziati i lavori di riqualificazione allo stadio Francesco Ciaccio dove grazie agli operai del Valle Lao, il rettangolo di gioco è stato già ripulito dalle sterpaglie dalle quali era stato invaso. Si tratta di un centro sportivo importante per Scalea abbandonato da anni e che invece dovrà presto ritornare nella disponibilità degli sportivi di Scalea. A breve inizierà anche la pulizia dell’area esterna allo stadio in modo tale da rendere fruibili anche i parcheggi occupai purtroppo da fitti canneti. Lo sgombero – ha detto l’assessore Eugenio Orrico – si è reso urgente anche per motivi di igiene e di sicurezza”. La grave situazione di occupazione abusiva da parte dei nomadi nei pressi dello stadio Ciaccio, perdurava da circa un ventennio soprattutto durante il periodo estivo. I nomadi scorrazzavano per le vie del paese con la pretesa della manutenzione delle cucine a gas. Presenti alle operazioni di sgombero, l’assessore allo Sport, Turismo e Spettacolo, Eugenio Orrico, il presidente del Consiglio Comunale, Achille Tenuta e il coordinatore dello staff del sindaco, Francesco Galati. Gli amministratori comunali si sono impegnati a circoscrivere l’area al fine di evitare nuovi insediamenti.

            
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie