RADIO ONE BANNER SOPRA

POLITICA

Martedì 27 Ottobre 2020 11:22

CALABRIA.CONTRATTO INTEGRATIVO REGIONALE:SI E' SVOLTA IN VIDEO CONFERENZA LA RIUNIONE DEGLI ESECUTIVI UNITARI DI FLAI CGIL,FAI CISL E UILA UIL CALABRIA.

Si è svolta in videoconferenza la riunione degli esecutivi unitari regionali di FLAI Cgil, FAI Cisl e UILA Uil Calabria con all’ordine del giorno, come unico punto, il contratto integrativo regionale. Una riunione già convocata nelle settimane scorse, poi rinviata a causa della prematura dipartita della Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, in cui la massima dirigenza sindacale regionale ha discusso delle azioni da intraprendere in seguito al mancato recepimento da parte della Regione Calabria del Contratto Integrativo Regionale per i lavoratori forestali siglato il 4 dicembre 2019,  il cui iter non è stato concluso neanche dall’attuale Giunta regionale “per carenza di risorse finanziarie”.

Il dibattito sindacale ha messo a nudo inadempienze e distrazioni politiche di oggi e di ieri su un tema che in queste ore, guarda caso, pare suscitare nuovo interesse. Due Giunte regionali – constatano gli esecutivi regionali di Flai, Fai e Uila – non sono riuscite a recepire il testo del contratto regionale forestale e concludere così un iter durato due anni e molto atteso da migliaia di lavoratori e lavoratrici del settore forestale calabrese.

Scelte politiche o esigenze finanziarie? La politica tutta dovrebbe avere il coraggio di fare scelte lungimiranti e responsabili invece di decidere di non decidere.

In questi anni il sindacato, in modo unitario, ha dimostrato responsabilità per giungere alla firma di un contratto regionale. È necessario ricordare che, durante la trattativa contrattuale, le parti datoriali e la politica regionale hanno comunicato alle organizzazioni sindacali le risorse economiche da impegnare per il rinnovo, risorse che scaturivano anche da una riduzione dei costi del personale forestale che sarebbe andato in quiescenza negli anni 2019 e 2020. Il testo contrattuale riconosce tutele e diritti a chi, da oltre cinquant’anni, garantisce la salvaguardia del territorio e la cura del bosco, ma – lo ricordiamo – risponde anche alle esigenze di un settore ridotto al lumicino, che necessita di un vero confronto per un immediato ricambio generazionale.

La verità è che, purtroppo, il settore forestale in Calabria sta morendo nel disinteresse generale della classe dirigente regionale e nazionale. Altro che tutela dell’ambiente e politiche green! La Calabria sta subendo, dal 2009 ad oggi, nelle varie manovre finanziarie, tagli e riduzioni delle risorse che Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil non accettano e l’hanno sostenuto e comunicato a istituzioni, Consiglio regionale e politica nazionale anche lo scorso anno, in occasione della manovra finanziaria.

Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil regionali e territoriali saranno in prima linea per intraprendere tutte le azioni sindacali necessarie, tenendo conto dell’attuale emergenza sanitaria e nel rispetto delle norme per il contrasto alla diffusione del contagio tra i lavoratori.

“Siamo pronti – dichiarano i Segretari regionali Costa, Sapia e Merlino – per una campagna informativa di denuncia e di proposta a tutto campo per mantenere alti l’attenzione sul rinnovo di un contratto integrativo regionale scaduto nel 2011 e sul confronto per il comparto forestale calabrese, sollecitando le istituzioni e la politica anche su un argomento che merita più responsabilità e dibattito, nuove prospettive e programmazione.

            
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie