POLITICA

Mercoledì 02 Dicembre 2020 18:37

ORSOMARSO(CS).IL GRUPPO CONSILIARE RINASCITA DEMOCRATICA HA ABBANDONATO I LAVORI DEL CONSIGLIO COMUNALE SVOLTOSI NELLA SERATA DI LUNEDI 30 NOVEMBRE.

Il gruppo consiliare Rinascita Democratica ha abbandonato i lavori del Consiglio comunale svoltosi nella serata di lunedì 30 novembre scorso in segno di protesta contro la decisione della maggioranza di utilizzare la stanza del sindaco come locale di riunione del civico consesso. Si tratta di “una decisione presa a malincuore”, hanno sostenuto nella dichiarazione fatta mettere a verbale in apertura di seduta. I consiglieri di opposizione Pio Giovanni Sangiovanni, Francesca Fortunato e Cosimo Galtieri, hanno motivato la loro scelta sostenendo che la sede scelta non è idonea ad ospitare il Consiglio comunale in quanto non rispetta quanto previsto dallo Statuto e dal Regolamento del Consiglio comunale. «Nonostante – si legge nel documento – avessimo ampiamente chiarito verbalmente la nostra posizione al sindaco e all’Amministrazione comunale nella giornata di giovedì 26 e per iscritto il giorno dopo, venerdì 27 novembre tramite PEC, la maggioranza che amministra il Comune di Orsomarso ha ritenuto di dover procedere contro ogni evidenza nella decisione inspiegabile e irragionevole, oltre che non motivata, di svolgere la seduta nella stanza del sindaco che non ha alcun requisito per ospitare i lavori del Consiglio comunale. Ciò non solo per il mancato rispetto delle norme anti-covid, ma soprattutto perché viola apertamente quanto previsto dallo statuto comunale che stabilisce espressamente che durante le sedute del consiglio va garantito un adeguato spazio per ospitare il pubblico che vorrà assistere. Ledendo in modo grave i più elementari diritti dei cittadini».

«Il Consiglio comunale – precisano gli esponenti della minoranza – è un organo istituzionale del Comune che merita rispetto e non può essere trattato come una sorta di appendice ormai marginale che non viene degnato neanche di una sede che le spetta per legge. Non consentiremo che prosegua questa prassi inaccettabile e intraprenderemo ogni azione politica volta a tutelare e garantire l’immagine, la dignità e il ruolo del Consiglio comunale».

Particolarmente critico il gruppo consiliare di opposizione rispetto alla questione della mancata attivazione della fibra ottica, nonostante il cavidotto già realizzato da anni. «La cosa reale che denunciamo – affermano i consiglieri del gruppo Rinascita Democratica – sono i gravissimi disagi di docenti e famiglie, i cui figli devono svolgere attività didattica a distanza con una rete assolutamente inadeguata e obsoleta che penalizza gravemente il processo di apprendimento».

 

 

GRUPPO CONSILIARE

RINASCITA DEMOCRATICA

            
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie