POLITICA

Martedì 06 Gennaio 2015 16:55

SCALEA. Il PD di Scalea rileva con preoccupazione lo stato di abbandono in cui versa il paese e sollecita interventi risolutivi a sostegno della ripresa delle attività economiche e commerciali.

Il discorso è rivolto soprattutto alla Commissione Straordinaria che gestisce il Comune a seguito dello scioglimento degli organi amministrativi per infiltrazioni mafiose. L’ordinaria amministrazione è di certo assicurata, ma le condizioni generali del paese richiedono ben altri provvedimenti per contrastare il processo di degrado di un’economia locale legata soprattutto al turismo e al commercio. Piazza Caloprese  è ormai il triste simbolo dell’abbandono in cui versa il paese. Si trova al centro di un’isola pedonale,chiusa totalmente al traffico, che nel giro di pochissimi anni ha costretto alla chiusura di diversi negozi,con gravissimi danni di immagine per l’evidente paralisi delle attività correlate al commercio. Per di più recenti misure per impedire il parcheggio nel vertice meridionale dell’asse viario,malauguratamente trasformato in isola pedonale,sta causando notevoli disagi e pericoli agli stessi pedoni nell’unico tratto che conduce al centro storico. Il paese risulta così letteralmente spaccato in due,con un’isola pedonale contornata nei due vertici da zone a traffico limitato, in cui il disordine nei parcheggi regna sovrano. Del resto proprio lungo l’area pedonale si trovano ubicate una banca, due farmacie e qualche esercizio commerciale superstite ed è inevitabile imbattersi in auto in sosta vietata. E a niente è servito disegnare un percorso pedonale delimitato da paletti, che ha soltanto indotto a parcheggiare qualche metro più indietro rispetto alla pur ristretta area di sosta preesistente. Per tutti questi motivi il PD ritiene necessario riqualificare Piazza Caloprese, incominciando con il disciplinare diversamente il percorso pedonale nei mesi invernali e in quelli estivi. Ripristinare il traffico veicolare,sia pure limitato e controllato, risponderebbe alle esigenze non solo dei commercianti ma di tutti i cittadini. E, invece, oggi Piazza Caloprese è territorio incontrastato di cani randagi e di rari passanti, trovando momenti di animazione solo nel fine settimana, sempre con grandi difficoltà nel traffico locale. Il PD intende contribuire, quale forza politica responsabile che si fa carico dei problemi del paese, a trovare tutte le soluzioni idonee,oltre a quelle indicate, per risollevare le sorti dell’area di Piazza Caloprese, da sempre centro nevralgico del paese, che ora rischia di scomparire. Per questo ha intenzione,intanto, di comprendere le ragioni di taluni provvedimenti come quelli denunciati, e ha già chiesto di visionare gli atti con i quali sono stati assunti. Tutto questo con il solo fine di concorrere alla migliore gestione della cosa pubblica. Una forza politica come il Partito Democratico, che nelle ultime prove elettorali ha ottenuto consensi sempre crescenti, non può restare indifferente di fronte a pratiche amministrative inidonee a fermare il declino socio-economico di questo paese.

            
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie