Cerca nel sito

TRANSLATOR

ristorante l'angolo del paradiso
Agriminniti
La Perla del Tirreno
DIXE
freddolandia
Aldel Discount
Karisma
PER QUESTA PUBBLICITA' TELEFONA ALLO 0985-90218 O SCRIVI ALL'INDIRIZZO EMAIL radioonescalea@libero.it

CALENDARIO

aprile: 2014
L M M G V S D
« mar    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Che tempo fa

RSS

 

Scalea: Simposio del Centro Democratico. In città l’onorevole Tabacci

“La Crescita del Centro Democratico in Calabria. “Nuove prospettive per l’Europa e formazione della cultura liberale e democratica della nostra terra”. È questo il titolo di un meeting che si terrà sabato pomeriggio, alle ore 18:00, nei saloni dell’Hotel Santa Caterina di Scalea. All’incontro, interverranno Giacomo Perrotta, presidente del circolo Centro Democratico della cittadina tirrenica, Nicola Biondi, presidente dell’Associazione ‘’Noi Per il Territorio’’, e il coordinatore regionale del partito, Pietro Fuda. Le conclusioni sono state affidate all’onorevole, Bruno Tabacci.

Francesca Orrico

PRAIA A MARE. LA MUSICA NEL CUORE. UNA PASSIONE, NATA E COLTIVATA NEGLI ANNI CON CAPARBIETA' E AMORE VERSO LA PROPRIA TERRA. E' ANGELO STAGETTI, CANTAUTORE DI PRAIA A MARE. UN VENTENNE CHE CON LE SUE MELODIE ENTRA NEL CUORE PULSANTE DEL QUOTIDIANO INTERPRETANDO TUTTO CIO' CHE LO CIRCONDA.

Santa Maria del Cedro. Preso di mira uno sportello bancomat sulla Ss 18. Individuate tre persone dai filmati delle telecamere a circuito chiuso

Volevano forzare un bancomat. La notte scorsa, intorno alle ore 02:30, tre individui, con il volto travisato da un passamontagna, sono stati ripresi dalle telecamere, posizionate nei pressi di un esercizio commerciale, ‘’Il Cedro’’, ubicato a Santa Maria del Cedro, sulla strada statale 18. I tre, da quanto si è appreso, pare stessero cercando di forzare lo sportello bancomat della banca di credito cooperativo. Sul posto, in quel momento, stavano transitando due pattuglie di carabinieri della compagnia di Scalea che hanno notato uno strano movimento in zona. Pare che gli individui, avessero già staccato la corrente elettrica che rifornisce lo sportello bancario e disinstallato l’allarme. I militari dell’arma, sono risaliti a loro, visionando i filmati delle telecamere a circuito chiuso, installate a ridosso della struttura ricettiva. Sempre da quanto si è appreso, sembra che i tre volessero forzare il bancomat per prelevare denaro in contante. Lo sportello è integro. Nessuna forzatura è stata riscontrata dalle forze dell’ordine, intervenute tempestivamente.

SANTA MARIA DEL CEDRO. GIOVANE MINACCIA GESTO ESTREMO.

A Santa Maria del Cedro, nel primo pomeriggio di oggi un giovane S. V. di 51 anni che si voleva opporre al TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio) si era barricato in casa con la madre evitando l’intervento dei Vigili Urbani. Sul posto Vigili del Fuoco e Ambulanza. I medici alla fine sono riusciti a convincere l’uomo e a trasportarlo presso il nosocomio per sottoporlo alla visite specialistiche. L’episodio che si è verificato nel centro storico di Santa Maria del Cedro, in un primo momento ha destato non poca preoccupazione.

TG ONE DEL 24 APRILE 2014 IN STUDIO EUGENIO ORRICO E CRISTINA SAULLO.

ALTO TIRRENO. ELEZIONI AMMINISTRATIVE: ANCORA INCERTEZZE SULLE LISTE DA PRESENTARE.

Mancano poche ore alla presentazione ufficiale delle liste. In molti comuni dell’Alto Tirreno cosentino, si lavora ancora alla costruzione delle compagini, in vista delle consultazioni amministrative del 25 maggio. Sabato e domenica si avrà contezza degli uomini e delle donne che concorreranno per amministrare comuni importanti del comprensorio. Al momento, non ci sono certezze, ma cominciano a delinearsi gli schieramenti. Partiamo da Diamante. Nella città dei murales, dopo la rinuncia del gruppo ‘’Insieme’’ a partecipare, con una propria lista, alle elezioni, dovrebbero scendere in campo tre formazioni. Il gruppo ‘’Per una Diamante migliore’’, nei giorni scorsi, si è già presentato alla cittadinanza. Poi, la compagine, ‘’La città del sole’’ che ha inaugurato la propria sede in Piazza XI febbraio, e ‘’Diamante Futura’’ con Giuseppe Savarese candidato a sindaco. A Belvedere Marittimo, in pole position le scesa in campo del primo cittadino uscente, Enrico Granata. A competere anche una lista, capeggiata da Gilberto Raffo, una, con a capo Vincenzo Carrozzino, la lista del Movimento Cinque stelle e una compagine, guidata da Riccardo Ugolino. A Santa Domenica Talao, il sindaco uscente, Alfredo Lucchesi, pare abbia già pronta la rosa dei nomi da presentare per le consultazioni. Non figura l’assessore uscente, Salvatore Paolino che, pare, stia lavorando ad una lista propria. Così come l’ex sindaco, Giuseppe Antonio La Greca. Al voto per il rinnovo del parlamentino cittadino anche Buonvicino con la certezza della candidatura a sindaco di Ciriaco Biondi, e Orsomarso. Qui, da indiscrezioni, pare si stiano costituendo 5 compagini. Certa una lista, capeggiata da Antonio De Caprio. Poi, dovrebbero essere in fase di elaborazione compagini, guidate, rispettivamente dal primo cittadino uscente, Paola Candia, Stefano Sangiovanni, Angelo Paravati e Angelo Cersosimo. A Verbicaro, invece, potrebbero essere tre le liste. Le minoranze hanno già indicato Francesco Silvestri quale candidato a sindaco. Mirella Ruggiero, starebbe preparando una propria lista, mentre la maggioranza uscente starebbe lavorando per riuscire a completare la lista. Si andrà al voto anche a Santa Maria del Cedro. In città, il movimento ‘’Primavera’’ ha reso noto che non candiderà alcun componente del sodalizio. L’ex sindaco, Francesco Maria Fazio, ha smentito una sua scesa in campo.  A confrontarsi, Andrea Napolitano che renderà noto il nome e il simbolo della lista domani sera e  l’assessore comunale uscente, Ugo Vetere espressione dell’attuale maggioranza che ha già presentato la lista “Continuità nel cambiamento”.

Praia a Mare - Cetraro: Sanità. In arrivo Tac e Risonanza magnetica nei locali nosocomi

“Si sta risolvendo il grave problema della mancanza di attrezzature e nuova tecnologia nell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza, dove non si procedeva ad acquistare nuove strumentazioni da più di dieci anni. Questo risultato, si è potuto realizzare solo perché si è riusciti a portare il bilancio aziendale al sostanziale pareggio”. Lo ha reso noto il direttore generale dell’Asp, Gianfranco Scarpelli. Nello specifico, sono state acquistate, utilizzando la procedura nazionale ministeriale della Consip e senza alcuna gara, svolta dall’Azienda, 8 Tac e 5 risonanze magnetiche. “Sono a regime, avendo già effettuato più di tremila esami, con riduzione delle liste d’attesa – continua Scarpelli – le Tac istallate anche a Paola e Praia a Mare. Sono in fase di ultimazione i lavori per la nuova Tac, sempre ad elevata tecnologia, che verrà istallata a Cetraro. Inoltre, sono state definite le procedure per effettuare i lavori necessari per l’istallazione delle nuove 5 risonanze magnetiche anche nei presidi ospedalieri di Cetraro e Praia a Mare. Sicuramente – dichiara Gianfranco Scarpelli – un grande risultato dopo anni in cui si dovevano raccogliere continue lamentele di apparecchiature rotte e non utilizzabili in quanto ormai obsolete”.

MAIERA’. “La menzogna, continua ad essere il filo conduttore che unisce un gruppo di persone messe lì dai cittadini solo per gestire il potere in modo clientelare e tra l’altro, per pochi intimi”. Il gruppo consiliare “Scelta Forte” ribatte al Sindaco De Marco e alla sua attuale maggioranza.

Il gruppo consiliare “Scelta Forte”, nelle persone di Giovanni Forte e Ivano Russo, in seguito alla pubblicazione di un articolo in cui non si poteva far altro (conoscendo i soggetti non ci meraviglia), che dire bugie e naturalmente fare le vittime come sempre sono stati abituati a fare, ribatte al Sindaco De Marco e la sua attuale maggioranza: la menzogna, continua ad essere il filo conduttore che unisce un gruppo di persone messe lì dai cittadini solo per gestire il potere in modo clientelare e tra l’altro, per pochi intimi. A questi signori essere osservati non piace, messi in discussione ancora meno. Finalmente, dopo tanto tempo che l’attuale maggioranza aveva deciso di pubblicare un articolo, ci saremmo aspettati qualche risposta sui tanti quesiti che abbiamo posto durante questi mesi di gestione fallimentare. Noi capiamo benissimo perché la maggioranza fin’ora non ha reagito, i cittadini però vanno rispettati e meritano una risposta: facendo comprendere i perché, di queste scelte, a nostro avviso scellerate. Per sviare il non poter rispondere e far conoscere i vari motivi che intrigano le scelte operate, questa maggioranza scarica la colpa alla minoranza, accusandola di “politica disfattista”. Per questi signori porre dei quesiti in consiglio comunale o attraverso la stampa significa disfattismo? Affermare che i teatrini natalizi senza successo, hanno portato solo spese per avvantaggiare qualche piccolo impresario di spettacoli, è disfattismo? Affermare che la rubrica “Buongiorno Regione” interessa in modo gratuito tutti i comuni della Regione Calabria e che pertanto aver trasmesso su Rai Tre, qualche minuto di diretta anche da Maierà rappresenta l’ordinarietà e non un evento straordinario, è disfattismo? Affermare che di questa rubrica non era a conoscenza nessuno tranne che pochi eletti, è disfattismo? Aver chiesto il perché Maierà non ha potuto beneficiare dei finanziamenti del Patto Territoriale Alto Tirreno Cosentino, è disfattismo? Chiedere perché spendere oltre 7.500 Euro (che altrimenti potevano essere spesi in lavori), per dotarsi di assistenza al responsabile del procedimento in un lavoro quasi completato, è disfattismo? Far constatare alla maggioranza che gli avvisi di accertamento ICI per l’anno 2007 sulla prima casa non andavano inviati (quando tra l’altro, l’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, con l’ormai noto consiglio dei ministri di Napoli, abolì proprio l’ICI sulla prima casa con un provvedimento ad hoc) dopo aver affidato sommariamente a cooperativa esterna, il servizio per c.ca 6.500 Euro oltre 1.200 euro di spedizioni, come anche ammesso da un autorevole amministratore di maggioranza è stata una disfatta, è disfattismo? Affermare che sono state innalzate le tariffe della ex TARSU e l’aliquota ICI, che l’Amministrazione ha approvato a colpi di maggioranza è una menzogna? Noi come minoranza al “Bilancio farsa” approvato in ottobre 2013 abbiamo votato contro: le tariffe e le aliquota le ha prepotentemente innalzate e approvate la maggioranza. Affermare che tutto questo non sia vero, come incoscientemente ha fatto il Sindaco nell’articolo dei giorni scorsi è offendere e prendere in giro i cittadini, che con mille difficoltà ne stanno pagando le conseguenze. Chiedere di annullare lo scellerato progetto di taglio che prevede la distruzione di 210 ettari di bosco sul monte Carpinoso, è disfattismo? Affermare che le somme in entrata, previste nell’approvazione della stima di materiale legnoso approvate con Delibera di Giunta Comunale n. 33/2014 (fatto per ora sulla carta) per 100.000 Euro annui che interesserebbero il Bilancio 2014, 2015 e 2016 è solo fittizio e che pertanto viene continuamente falsato il Bilancio nel pluriennale, è disfattismo? Affermare che il Sindaco si sia alzata l’indennità di funzione, e, per la prima volta nella storia amministrativa del nostro comune siano state assegnate le indennità agli assessori, e ai consiglieri di maggioranza il gettone di presenza è forse una menzogna? Chi ha mai detto che tutto questo è illegittimo: la minoranza ha sempre affermato che è inopportuno con i tempi che corrono, innalzare le tasse per far fronte anche a queste nuove spese che il Bilancio per il Comune di Maierà che fino ad ora non aveva mai dovuto coprire. Chiedere eventualmente al Sindaco, quante volte si sia recato a Catanzaro, a Roma, o in altre città per mandati istituzionali, visto che si è innalzato la propria indennità di funzione per queste ragioni, è disfattismo? Affermare che a nostro avviso, da un anno a questa parte nessun amministratore si sia spostato per ragioni istituzionali, visto che tutti i lavori che l’anno scorso stavano per iniziare, ad oggi sono ancora fermi (su tutti: metanizzazione, lavori di messa in sicurezza sulla SP Maierà-Cirella in prossimità dell’ex depuratore, completamento della rete fognante mediante l’APQ firmata da oltre un anno, etc.), è disfattismo? Segnalare che si continuano a pubblicare le delibere di giunta comunale e le determine dirigenziali senza linearità e continuità, è disfattismo? Segnalare che l’attuale maggioranza ha potenziato l’indifferenziato, aumentato i costi di raccolta e smaltimento della spazzatura, cancellando la raccolta differenziata avviata con la precedente Amministrazione, è disfattismo? Segnalare che la raccolta della spazzatura avviene solo lungo la viabilità principale dimenticandosi della raccolta per settimane intere, lungo le secondarie delle zone rurali, è disfattismo? Segnalare i continui proclami del presidente del consiglio a nome dell’Amministrazione, dove più volte si sono annunciate le imminenti riprese dei lavori alla Chiesa Madre, senza avere alcun risultato a riguardo, dopo 11 mesi di continui e falsi annunci, è disfattismo? Chiedere di redigere il nuovo regolamento ed il nuovo statuto per il funzionamento del consiglio comunale e non aver avviato alcun provvedimento da oltre sei mesi, dopo aver rassicurato i gruppi consiliari che sarebbe stato imminente l’aggiornamento, è disfattismo? Chiedere di approvare il regolamento per l’affidamento di incarichi professionali e delle prestazioni di servizio all’esterno come la totalità dei comuni italiani, è disfattismo? Affermare che dei piccoli notabili, si aggirano nella Casa Comunale a coadiuvare le operazioni della giunta comunale, senza averne titolo e tra l’altro, ultimamente, hanno anche composto dei veri e propri piani economico/finanziari per la richiesta di finanziamenti relativi alle manifestazioni estive, è disfattismo? Affermare che tutti i lavori pubblici in corso sono frutto della smisurata programmazione fatta dalla precedente Amministrazione Forte, è disfattismo? Affermare che l’attuale maggioranza non si stia interessando dei verbali di infrazione in materia edilizia dei magazzini, che fantasiosamente si stanno notificando agli ignari utilizzatori degli alloggi al villaggio Alorio, è disfattismo? Nei nostri articoli non si è mai parlato di onestà o disonestà, si è solo parlato di politica spendacciona per pagare le cambiali elettorali, non si è mai messa in discussione l’onestà di nessuno, soprattutto del Sindaco che continua a ungersi di vittimismo come sempre ha saputo fare. Sarebbe ora di smetterla con la politica di bassa leva a vantaggio di pochi intimi e cominciare a lavorare seriamente per il bene di tutta la collettività, riprendendo tutta la programmazione ad ampio raggio avviata dalla precedente Amministrazione, che l’attuale maggioranza ha interrotto. Qualora ce ne fosse la volontà (ma di questo ne dubitiamo), il gruppo consiliare “Scelta Forte” si rende disponibile ad avere un confronto pubblico con l’attuale maggioranza per affrontare tutti gli argomenti trattati nella presente nota stampa.

“Scelta Forte”, Giovanni Forte e Ivano Russo

Tirreno: Al via la ‘’Giornata rotariana del patrimonio culturale’’

Domenica prossima, il Distretto 2100 del Rotary International, che comprende la Campania, la Calabria e la Basilicata tirrenica, sarà impegnato nella prima edizione della ‘’Giornata Rotariana del Patrimonio Culturale’’. Evento con il quale il Rotary promuove la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico, in una giornata interamente dedicata alla riscoperta dei valori identitari, materiali e immateriali. Il progetto, è nato con l’obiettivo di essere uno strumento multitarget, dedicato ad un vasto pubblico, destinato a frequentatori attenti e appassionati. Un approccio multidisciplinare all’attività di divulgazione e promozione del patrimonio monumentale che ha il fine di promuovere scambi virtuosi e un nuovo approccio alla conoscenza dell’architettura, dell’arte e della cultura dei nostri territori. La manifestazione, si propone, quindi, come propulsore di un nuovo e qualificato movimento, capace di mettere a sistema beni monumentali e ambiente, con una strategia nazionale e un coordinamento unico e di grande efficienza. La giornata si svolgerà attraverso visite guidate, condotte gratuitamente, e dedicate ad un bene culturale, materiale o immateriale, un monumento, luogo, museo, area archeologica o altro, scelto da ogni club, all’interno del territorio di competenza. Il progetto prevede, anche, lo svolgimento di manifestazioni artistiche, musicali, teatrali ed enogastronomiche.

C.S.

Praia a Mare: Marlane. Si torna in aula il 2 maggio

Processo Marlane. Si torna in aula il 2 maggio prossimo. I dubbi sulla nuova perizia ambientale sull’area della “fabbrica dei veleni” di Praia a Mare sono emersi nel corso del processo per omicidio colposo e reati ambientali tenutosi, nei giorni scorsi, in Tribunale a Paola. Il colpo di scena durante l’ennesima udienza del procedimento penale che vede incriminati proprietà e dirigenti dell’ex tessile. Dopo una lunga riunione della Corte in camera di consiglio, il presidente del collegio, Domenico Introcaso, ha fissato il nuovo calendario delle udienze. Si ripartirà il 2 maggio, giorno in cui dovranno comparire in aula gli esperti, nominati dal tribunale per stabilire, attraverso una perizia, l’esistenza o meno di un nesso causale tra le sostanze utilizzate in fabbrica e i tumori contratti dai dipendenti.

TG ONE DEL 23 APRILE 2014 IN STUDIO EUGENIO ORRICO E CRISTINA SAULLO.

SANTA MARIA DEL CEDRO. Arrestato un quarantaquattrenne per evasione dai domiciliari.

È stato tratto in arresto oggi pomeriggio a Santa Maria del Cedro, Robertino Presta 44 anni del posto. Il quarantaquattrenne che stava scontando una pena ai domiciliari per reati contro il patrimonio, è stato sorpreso dai militari agli ordini del Tenente Bartolo Taglietti per le vie della cittadina tirrenica. Bloccato dagli uomini del comandante di stazione Giovanni Console, è stato tradotto in carcere a Paola.

Praia a Mare: Piano Spiaggia. Interviene Sel

Il piano spiaggia di Praia a Mare al centro di un intervento di sinistra ecologia e libertà. “Le linee guida della Regione Calabria e il documento “La gestione del demanio marittimo dallo Stato alle regioni, agli enti locali. Profili normativi giurisprudenziali e operativi” – dichiara il segretario cittadino di Sel, Francesco Marsiglia – riportano che “nella conferenza dei servizi si acquisiscono i pareri e si procede, tenendo conto delle posizioni prevalenti espresse. L’unico parere che può rendere annullabile un Piano attuativo è l’assenza della Vas, Via o valutazione d’incidenza. L’iter del Piano Ssiaggia – afferma Marsiglia – ha avuto un percorso diverso. Una volta acquisito il verbale sulla conferenza dei servizi con i pareri degli enti sovracomunali, la provincia di Cosenza si è espressa con proprio decreto. L’unico parere che poteva rendere invalidante il Piano era la valutazione d’incidenza regolarmente acquisita. Quanto da me affermato – chiosa Francesco Marsiglia – è stato tenuto in considerazione anche dai tecnici della Provincia, i quali, nel decreto di approvazione del Pcs riportano tutti i pareri presentati, nonché la dicitura che gli elaborati presentati sono conformi a quanto stabilito dalla normativa vigente. I tecnici provinciali – conclude Marsiglia – hanno agito a norma di legge, nella piena consapevolezza degli atti presentati e non “incautamente” come è stato affermato in Consiglio Comunale dal Sindaco”.

Fuscaldo: Deceduto l’anziano coinvolto in un incidente nelle settimane scorse

È deceduto, all’ospedale di Cosenza l’anziano rimasto coinvolto, il 15 aprile scorso, in un incidente sulla strada statale 18, nei pressi di Fuscaldo. L’uomo era a bordo di un motocarro, quando si è scontrato con una vettura. Le sue condizioni erano apparse, da subito, molto gravi. Nel sinistro era rimasta coinvolta, oltre al mezzo della vittima, anche un’altra auto. I sanitari del 118, intervenuti sul posto, avevano deciso di trasportare l’anziano in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza.

Tortora: Impianto di depurazione di San Sago. Nessun provvedimento di dissequestro temporaneo è stato comunicato al comune. La precisazioni del sindaco Lamboglia

Dopo le indiscrezioni circa il paventato dissequestro temporaneo dell’impianto di depurazione di San Sago, l’Amministrazione comunale di Tortora, ha reso noto che il provvedimento “non è stato notificato né al comune né al comandante della Polizia municipale, custode giudiziario dello stesso. Quando ciò avverrà – dichiara il sindaco di Tortora, Pasquale Lamboglia – è intenzione dell’Amministrazione comunale opporsi allo stesso con tutti i mezzi giudiziari legalmente consentiti, poiché si ritiene che i rilievi mossi nel decreto di sequestro preventivo siano di una gravità tale da comportare soltanto la revoca dell’autorizzazione integrata ambientale, da parte della Regione Calabria. Cosa che, purtroppo, ancora non è avvenuta. Intanto – continua il primo cittadino – pensiamo che gli stessi presunti lavori di “ristrutturazione” dovranno essere autorizzati dagli uffici comunali, provinciali e regionali e solo dopo l’ottenimento di tutti gli atti autorizzativi del caso si potrà consentire il dissequestro temporaneo per poterli effettuare. Ricordo, inoltre, prosegue il sindaco Lamboglia – che il 23 marzo scorso è stato emesso un provvedimento di chiusura dell’impianto di eliminazione di rifiuti pericolosi e non, ubicato in San Sago, quale azione necessaria per contrastare gravi fenomeni di inquinamento ambientale e a tutela della salute pubblica”.