RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Martedì 12 Settembre 2017 14:56

DIAMANTE. OPERAZIONE MURALES: IL RIESAME REVOCA OGNI MISURA A PRESTA

Nel primo pomeriggio di ieri, 11 settembre 2017, è stata resa nota la decisione del Tribunale del Riesame di Catanzaro (Presidente  Valea – Giudici Grossi e Rabagliati), relativamente all’appello cautelare interposto dall’avvocato penalista Francesco Liserre, per conto di Presta Alessio, avverso l’ordinanza di rigetto dell’istanza di revoca di misura cautelare da parte del GIP della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, Dr.ssa Gioia. In particolare, Presta Alessio, venne arrestato nell’ambito della nota “operazione Murales” inizialmente disposta dalla Procura della Repubblica di Paola e, successivamente, avocata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro. L’inchiesta, relativa ad un rilevante traffico di droga sull’alto tirreno cosentino, portò all’arresto di numerose persone, tra cui il Presta. Lo stesso, già durante l’interrogatorio di garanzia, svoltosi dinanzi al Gip con divieto di colloquio con il difensore, ottenne, su richiesta dell’avvocato Liserre, la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari, successivamente sostituita, a seguito di ricorso del difensore al Tribunale del Riesame, con il solo obbligo di presentazione dinanzi alla P.G. Dopo qualche mese, l’avvocato Liserre, presentava al Gip della Direzione Distrettuale di Catanzaro, istanza di revoca del predetto obbligo, deducendo che “il tempo decorso dall’esecuzione della misura non custodiale e il complessivo comportamento dell’indagato tenuto dall’inizio della cautela, non potevano considerarsi elementi muti ma valutabili positivamente in relazione alla sopravvenuta carenza di esigenze cautelari”.Tuttavia, il GIP Distrettuale Antimafia, rigettava la richiesta di revoca con ordinanza avverso la quale, l’avvocato Liserre, interponeva tempestivo appello cautelare. Ieri, il Tribunale del Riesame di Catanzaro, ritenendo pienamente meritevoli di accoglimento le tesi difensive, revocava la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla PG a cui Alessio Presta si trovava ancora sottoposto.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie