RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

CRONACA

Mercoledì 09 Gennaio 2019 12:08

SCALEA. RENATO BRUNO (M5S): ANOMALIE SULLA GESTIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI RELATIVE ALLO STADIO D.LONGOBUCCO.

Dopo l'interrogazione presentata, come MoVimento 5 stelle, al sindaco di Scalea e discussa nell'ultimo consiglio comunale tenutosi il 21/12/2018, relativamente alla questione cartelle esattoriali riferite alla gestione dello stadio D. Longobucco, da parte della precedente amministrazione della società USD Scalea 1912, ho deciso di presentare esposto alla procura della repubblica presso il tribunale di Paola. Sono troppe le anomalie che si riscontrano nel suo affidamento.

Nel mese di Maggio 2015 il presidente della società USD Scalea 1912 chiedeva di partecipare ad un bando per un progetto di efficientamento energetico dello stadio. Dopo qualche giorno la Commissione straordinaria emetteva delibera per l'affidamento diretto alla predetta società, ma tale affidamento pare non concretizzarsi, infatti, dopo pochi mesi, la stessa commissione emetteva nuovo atto per l'affidamento a terzi delle strutture sportive, attraverso una manifestazione d'interesse aperta a tutte le società sportive. Intanto però, per quanto riguarda il finanziamento, la Lega nazionale Dilettanti si interfacciava con USD Scalea 1912, che sembrerebbe non avesse ancora la gestione dello stadio. Arriviamo così ad aprile 2016 quando viene poi pubblicata la manifestazione d'interesse per l'affidamento dello stadio Longobucco, che si concretizza poi con la convenzione stipulata solo nel mese di gennaio 2017 tra la società sportiva Scalea e il Comune. La convenzione prevedeva che a fronte della gestione dello stadio, la società avrebbe dovuto versare 5100€ nelle casse del comune.

Come è andata a finire lo stiamo apprendendo in questi ultimi mesi, il presidente ha dato le dimissioni e il nuovo direttivo si è accollato tutti i debiti per non far sciogliere la società.

Mi chiedo perchè, nell'affidare lo stadio, l'ente non abbia chieste opportune garanzie, eppure sembrerebbe fosse necessaria una polizza fideiussoria che, tra la documentazione da me richiesta non è mai pervenuta.

Nella manifestazione d'interesse era anche ben chiaro che, l'interessato, doveva avere capacità finanziare adeguate. Ora, considerato che l'ex presidente è anche amministratore di altra società e per pubblica ammissione del sindaco, tale società risulta fortemente indebitata con il comune, non sarebbe stato ancora più opportuno tutelarsi?

Qualcuno potrà dirmi che le due società sono distinte e ha ragione, ma la tutela dell'ente ha la priorità. Sappiamo tutti che, quando un cittadino richiede una concessione, vengono effettuate le verifiche sui tributi e se non si è in regola, la stessa non viene rilasciata. Perchè nel caso non ci si è tutelati? Qualcuno ha verificato? Non vorrei che tali comportamenti fossero collegati a quanto già inviato all'attenzione dell'ANAC e pertanto ho provveduto a mettere a conoscenza la procura dell'esposto relativo al diniego da parte del sindaco per la richiesta di verifica della posizione dei tributi delle strutture alberghiere, ricevuti solo dopo innumerevoli solleciti. Ci auguriamo che venga fatta chiarezza e che la nuova amministrazione della società USD Scalea 1912 possa proseguire il campionato con serenità, regalando qualche soddisfazione ai tifosi.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie