RADIO ONE BANNER SOPRA
ascolta le ultime previsioni meteo

POLITICA

Mercoledì 21 Maggio 2014 21:16

ORSOMARSO. Ultimo atto dell’amministrazione comunale di Orsomarso: chiesti 200.000 euro al Ministero di Sviluppo economico per la sistemazione della Torre Orologio.

Con delibera di giunta n°24 del 16 maggio 2014, l’amministrazione comunale guidata dal Sindaco uscente Paola Candia, ha approvato un progetto preliminare e definitivo per "Sistemazione esterna e messa in sicurezza del percorso di accesso alla"Torre dell'Orologio a supporto delle attività turistiche", in coerenza con le finalità e gli obiettivi del Patto Territoriale dell'Alto Tirreno Cosentino e in sintonia con quanto emanato dal Ministero Sviluppo Economico -Dipartimento Sviluppo Economico e la Coesione Economica. L’importo del progetto richiesto è pari a 200.000 euro e prevede  la messa in sicurezza del sentiero storico-paesaggistico più affascinante dell’entroterra tirrenico. Il comune di Orsomarso, in partner con le amministrazione comunali di Aieta, Buonvicino, Verbicaro, Papasidero e San Nicola Arcella, nel rispetto di quanto contenuto nella Circolare del M.I.S.E., ha inteso candidarsi per i benefici derivanti dalla la circolare MISE n. 0043466 del 28 dicembre 2012, attraverso I'attività del Patto Territoriale Alto Tirreno Cosentino,presentando istanza al fine di ottenere il finanziamento di 200.000. “Con questo atto - , ha dichiarato il consigliere uscente Antonio Pappaterra, - il Sindaco Paola Candia e l’amministrazione comunale uscente con cui ho avuto l’onore di lavorare politicamente chiude una pagina importante della storia amministrativa del territorio di Orsomarso. Per quanto riguarda il reperimento delle risorse necessarie che sono finalizzate al miglioramento delle strutture, il trend degli obiettivi raggiunti sulla base degli interventi richiesti agli enti che dispongono di economia e risorse, supera cosi il  300 % delle opere ammesse e finanziate. Voglio ricordare, ancora una volta, - ha detto Pappaterra,- che Orsomarso nel 2009 non aveva un solo spicciolo investito nei settori e nelle opere che oggi sono oggetto di riguardo e di programma dei prossimi amministratori comunali e questi anni, purtroppo, sono stati consumati, appunto, proprio per cercare le risorse necessarie per andare avanti senza aumentare tributi e pressione fiscale locale. Una delle tante opere oggetto di discussione da parte di vari candidati in questi giorni,- ha continuato l’amministratore uscente,- è proprio l’investimento di circa  900.000 euro, per quanto riguarda in comune di Orsomarso, per la condotta fognaria e la depurazione delle aree rurali della c.da Marina e Castiglione, un vero e proprio project financing, cosi come previsto dalla delibera CIPE n°60 del 30 aprile 2012 denominata Piano Nazionale per il Sud, da realizzare insieme ai comuni di Santa Maria del Cedro, Grisolia, Buonvicino, Maierà e Diamante. L’importo di questo investimento delegato al comune di Santa Maria del Cedro  come capofila della filiera depurativa ricadente in questo comprensorio è di circa 11.500.000 euro. L’amministrazione comunale di Orsomarso , in questo senso, - ha concluso Pappaterra,- ha fatto il proprio dovere e seguito l’iter di concerto con i vari enti coinvolti ed in particolar modo con il Sindaco e l’amministrazione comunale di Santa Maria del Cedro, comune che accoglierà il servizio di depurazione della contrada Marina, proprio per risolvere in modo definitivo l’annosa questione della depurazione delle aree rurali in modo definitivo.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie