RADIO ONE BANNER SOPRA
images/548547315246596.jpg
images/bloggif_56813d257ab6d.gif
images/la c news orari gr.jpg
images/manfreditalia.jpg
images/automonaco 1.jpg
images/expert la cava 2.jpg
images/boung ville 4.jpg
images/bloggif_5681413e0b7e3.gif
images/villa brazzano.jpg
images/radio one  blues.jpg
ascolta le ultime previsioni meteo

SPETTACOLO

Giovedì 11 Agosto 2016 05:57

Cetraro. Al via la XXIII edizione del Torneo dei Rioni- Roberto Piazza.

Tiziana Ruffo.  Una storia ricca di gesta, di eventi, di cultura e di tradizioni. Si tratta della XXIII   Edizione del “Torneo dei Rioni -  Roberto Piazza”, che si svolge oggi (11 agosto) a Cetraro e che rievoca momenti significativi della storia locale. L’intento, infatti, è quello di  ricordare la vittoria della città contro i predoni turchi nel 1573, quando  le difese cittadine abbatterono la nave ammiraglia barbaresca, celebrando l’unione dei Rioni, che in occasioni civili si erano sempre trovati divisi e litigiosi tra loro. Al “Torneo dei Rioni”, giochi di piazza a squadra, parteciperanno 8 Rioni in rappresentanza di tutte le contrade di Cetraro: Aquile, Corvi; Delfini, Draghi, Falchi, Lupi, Panda e Volpe. In effetti i Rioni  tradizionali sono quelli legati alle tre porte cittadine: Porta di Sopra, Porta di Basso e Porta di Mare, che in pratica erano le tre dogane urbane. I nuovi nomi, che sono nati con la prima edizione, ricordano invece, in un’ atmosfera giocosa, la tradizione dei Palii. Prima della competizione entrerà sul campo di gioco la corte di Sikelgaita con i costumi medioevali tra  musiche  e  sbandieratori  che  faranno  rivivere  la   straordinaria grandezza dell’antica Cetraro, feudo normanno donato dalla principessa Sikelgaita all’Abbazia di Montecassino.Particolarmente toccante sarà il momento in cui la fiaccola, portata da Giancarlo   Piazza, fratello di Roberto Piazza a cui è dedicato il Torneo, entrerà in Piazza del Popolo ed accenderanno  il braciere rionale, circondati da tutti i capitani. Al Rione vincitore andrà un Trofeo ed un Palio, costituito da un drappo, ricamato a  mano, con motivi che si richiamano alla realtà locale e realizzato dal noto pittore cetrarese Pietro De Seta.

Lascia un commento

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie visita la pagina Note legali - Privacy -Cookie